“It’s time to reload” così la Juve risponde alle provocazioni social del Barça

“Centomila persone ci aspettano. Guardarli negli occhi. Finire il lavoro”. Con un video motivazionale la Juventus si dà la carica in vista del ritorno dei quarti di finale di Champions League.

Dopo le “provocazioni” social arrivate ieri dal profilo Twitter dei catalani, dove si ricordavano le ultime goleade e le storiche rimonte dei blaugrana, la la Juventus ha voluto “rispondere” con una clip di 54 secondi, rigorosamente in bianco e nero.

Le immagini migliori della stagione degli uomini di Allegri scorrono fino alla fine, per poi tornare indietro: “It’s time to reload”, è tempo di riavvolgere il nastro. C’è la consapevolezza che il discorso qualificazione non può essere considerato chiuso con questo Barcellona ed ecco perché bisogna ripartire da zero, come se allo Stadium non si fosse giocata la partita dell’anno, come se quel 3-0 non fosse reale.

Un video che fa il suo effetto e che, sicuramente, avranno visto anche a Barcellona dove – siamo sicuri – un po’ di timore l’avrà suscitato in Messi e compagni. Soprattutto sul finale, quando arriva lo “spauracchio” degli spagnoli: Paulo Dybala.

Annunci

Vicino rumoroso? Messi compra la sua casa e lo sfratta

Ma quale riunione di condominio?! Se il vicino fa troppo rumore non c’è bisogno di perder tempo a discutere. Basta sfrattarlo comprando la sua casa. Almeno se ti chiami Leo Messi. Continua a leggere “Vicino rumoroso? Messi compra la sua casa e lo sfratta”

Arrivano le Messi 16 Blue Blast

Innovazione e fantasia. Questo il binomio che ha voluto sfruttare Adidas Football per creare la collezione Blue Blast nell’edizione speciale dedicata a Leo Messi. La linea si chiama Messi 16 ed è la personalizzazione per il cinque volte Pallone d’Oro del modello X16 che saranno indossate da campioni della scena internazionale quali Gareth Bale, Thomas Müller e Luis Suárez. Continua a leggere “Arrivano le Messi 16 Blue Blast”

Carlo Conti vale tre volte Messi, almeno al Festival

Carlo Conti più di Messi. Sembra strano ma sarà così, almeno per i giorni del Festival di Sanremo. Oggi infatti è stato reso noto il cachet che percepirà il conduttore toscano. Per le cinque giornate della kermesse lo showman di Rai Uno prenderà 650 mila euro. Continua a leggere “Carlo Conti vale tre volte Messi, almeno al Festival”

Dieci anni di iPhone, dieci anni di Selfie. Ecco quelli più famosi del calcio

Dieci anni di iPhone. Il 9 gennaio 2007  Steve Jobs presentava una delle più grandi rivoluzioni dell’era moderna. «Abbiamo reinventato il telefono» annunciò al mondo intero il leader di Apple. Niente di più vero. Da quel giorno un boom incredibile e oggi è diventato un accessorio quasi indispensabile. Un magico oggetto che è entrato di prepotenza nella nostra vita e nella cultura di massa. Continua a leggere “Dieci anni di iPhone, dieci anni di Selfie. Ecco quelli più famosi del calcio”

Milan, i segreti di Deulofeu: il talento che si ispira a Cristiano Ronaldo e “copia” gli spot di Messi

Colpo a sorpresa per il Milan. Dopo la conquista della Supercoppa Italiana, i rossoneri hanno capito che su questa squadra si può investire. Ecco perchè la dirigenza rossonera a fari spenti ha portato a termine la trattativa per il prestito secco di Gerard Deulofeu,esterno spagnolo classe 1994. Secondo Repubblica l’affare ha ricevuto il placet di Sino Europe, futura proprietaria del club, che invece aveva bocciato il trasferimento del gioiellino dell’Ascoli Orsolini. Continua a leggere “Milan, i segreti di Deulofeu: il talento che si ispira a Cristiano Ronaldo e “copia” gli spot di Messi”

Anche Tevez in Cina per essere il più pagato al mondo: guadagnerà 78 euro al minuto 

Ormai sta diventando una moda tra i calciatori. Dopo Oscar, anche Carlos Tevez ha scelto di andare a giocare in Oriente. Continua a leggere “Anche Tevez in Cina per essere il più pagato al mondo: guadagnerà 78 euro al minuto “

Dalle statuette di San Gregorio Armeno ai Caganer di Barcellona: quando il calcio entra nel presepe

Ormai ci siamo. E’ la notte di Natale. Tutti intorno alla tavola per il cenone, poi sotto l’Albero a scartare i regali. Fino ad aspettare la mezzanotte, per deporre Gesù Bambino nel presepe. Continua a leggere “Dalle statuette di San Gregorio Armeno ai Caganer di Barcellona: quando il calcio entra nel presepe”