Defrel in tuta nella foto ufficiale del Sassuolo

La foto di squadra è uno dei momenti più eleganti dell’anno per un club. Tutti incravattati, i giocatori appaiono come modelli di Armani. Tutti meno uno. Continua a leggere “Defrel in tuta nella foto ufficiale del Sassuolo”

Annunci

L’X Factor del calcio: le 10 canzoni più ascoltate dal pallone

Dallo spettacolo musicale a quello del calcio. Questa sera è iniziata la decima edizione di X Factor, uno dei programmi più seguiti in Italia: non a caso l’hashtag #XF10 è uno dei più popolari su Twitter. Cosa c’entra la musica con il calcio, direte voi. Invece c’entra, eccome.

Sono tantissime le canzoni legate al mondo del pallone che hanno segnato momenti di storia per tutti noi. Ricordi, immagini, storie e note. Ogni tifoso ha la sua personalissima hit che, anche se a distanza di anni, è ancora in grado di regalare emozioni.

Abbiamo provato a fare una selezione dei brani o dei momenti musicali che hanno colpito di più i tifosi di ogni squadra nel corso degli anni. Sono dieci, proprio in onore del numero delle edizioni di X Factor.

Notti magiche. Italia ’90. Una canzone che ancora oggi si torna a canticchiare quando la nostra Nazionale è impegnata in un Europeo o un Mondiale. Maradona al San Paolo, i gol di Totó Schillaci. La Nannini e Bennato. Un pezzo che ha segnato non solo la storia della nostra musica, ma quella di un Paese.

Amala. Uno degli inni più ritmati di sempre. Un regalo per tutti i tifosi dell’Inter. Anche il testo è dei più azzeccati, la Pazza Inter è la squadra che puó vincere e perdere con chiunque. Un esempio? Il più recente è la vittoria con la Juventus e le sconfitte di Europa League. È questa la Pazza Inter e i tifosi nerazzurri la conoscono molto bene. Una squadra da prendere o lasciare.

Atene 2007. L’ultima grande gioia europea del Milan. Dopo la rivincita sul Liverpool, i rossoneri festeggiano a San Siro. È lo show di Carletto Ancelotti che prende il microfono e inizia a cantare con tutto lo stadio. Un momento che i tifosi milanisti non dimenticheranno mai. L’attuale tecnico del Bayern l’X Factor sembra proprio averlo e non solo in panchina. Infatti, anche dopo i successi con Chelsea e Real ha preso il microfono per cantare. Nessuna interpretazione è stata significativa come questa.

Da sentire almeno una volta nella vita dal vivo. Brividi lungo la schiena per tutti. Non ce ne vogliano i tifosi della Lazio. Una dedica d’amore di Antonello Venditti alla sua città e alla sua squadra del cuore. È l’inno di Roma.

You’ll never walk alone. L’inno del Liverpool poi ripreso da tutti. Sono le più belle parole che un tifoso può dire alla sua squadra: “Non camminerai mai da sola”. Qui vale il discorso per la canzone precedente. Sentirla personalmente ad Anfield è una delle 10 cose da fare prima di morire. Almeno per un appassionato di calcio. Non a caso molte altre squadre in giro per il mondo la usano per caricare il proprio pubblico. L’originale è quella dei Reds.

Grosso. Materazzi e Zidane. Buffon e Cannavaro. Gli assist di Pirlo. Totti è Del Piero. Germania 2006: è il trionfo del calcio italiano nel mondo che vince col cuore un Mondiale incredibile, prendendo le forze dai suoi scandali. Lippi crea un manipolo di eroi che entra di diritto nell’Olimpo del calcio. Dal Duomo a Piazza del Plebiscito, dalla Mole al Circo Massimo, tutti cantano “popopopo”, al secolo Seven Nation Army. L’inno di Mameli 2.0.

Luci a San Siro. Uno struggente Vecchioni dipinge immagini e ricordi con con questa canzone che ha segnato intere generazioni. Fino a qualche tempo fa l’Inter la faceva partire prima di ogni partita. Poi, visto il clima deprimente di San Siro negli ultimi tempi, hanno deciso di proporre qualcosa di più allegro. Scherzi a parte: un capolavoro.

Avevamo pensato a “Un giorno all’improvviso”, ma volevamo regalare qualcosa di unico e speciale per i tifosi napoletani. Higuain o meno, Napoli sarà sempre Napoli: questa canzone e la partecipazione che crea è qualcosa di eccezionale. Come Maradona e San Gennaro. Si stat lu prim amor.

Un classico moderno. L’inno dello Juventus Stadium. Del record dei 102 punti. Gli scudetti di Conte, un campionato senza perdere, il gol di Muntari, fino ad Allegri e Higuain. La storia di un grande amore. Per la vecchia signora.

Una chicca. Checco Zalone porta fortuna alla Nazionale con un brano che è capace di diventare subito una hit. Checco aiuta l’Italia, l’Itali aiuta Checco. Entrambi raggiungono il successo. Siamo una squadra fortissimi è il simbolo di una bella Italia che sa ridere dei suoi errori, che sa creare di qualcosa di buono dalle proprie difficoltà. In quel magico 2006 sia Checco sia gli azzurri ci riuscirono. 

di Daniele Polidoro

@PolidoroDaniele