“Ecco perché abbiamo giocato con la bandiera spagnola”

Sono stati gli attori non protagonisti della settima giornata di Liga, anche se molti non se ne sono resi conto. Nella giornata del referendum catalano mentre gli occhi del mondo del calcio rimanevano incantanti a guardare i seggiolini vuoti del Camp Nou, a molti sfuggiva un piccolo dettaglio presente sulla maglia de Las Palmas. La squadra delle Isole Canarie è già passata alla storia della letteratura calcistica, e non solo perché il calendario ha voluto che fosse la sfidante del Barcellona proprio nel giorno del voto sull’indipendenza. Quello che ha colpito di questa squadra, e che ha fatto discutere in Spagna, è stata la scelta di vestire una maglia speciale per l’occssione: nel giorno del referendum catalano, in quello che sarebbe stato un Camp Nou tappezzato da Senyeras (la biandiera catalana a strisce gialle e rosse) e in un trionfo di cori indipendentisti, prima dopo e durante il minuto 17.14. Sì, perché il Las Palmas si è presentato a Barcellona con una piccola toppa raffigurante la bandiera spagnola cucita sul petto. Il presidente Miguel Ángel Ramírez, non era al Camp Nou per motivi personali, ma a poche ore dal triplice fischio aveva già un quadro completo della situazione. A raccontargli quanto accaduto allo stadio la sua dirigenza, seduta nella tribuna del Camp Nou in una giornata decisamente fuori dal comune. Ramírez ha saputo anche della bandiera e, benché non ce ne fosse bisogno, ha comunque voluto spiegare il perché la sua squadra abbia deciso di portare sul petto la bandiera di Spagna.

“È stata una situazione difficile – dice in un’intervista a El Mundo – ma abbiamo voluto pensare anche a quei catalani di cui non si parla, quelli che vogliono continuare a essere catalani sì, ma anche spagnoli”. Un pensiero, dunque, a tutte quelle persone che non vogliono la creazione della Repubblica Catalana ma comunque restando alla larga da accostamenti politici: “Il Barcellona sì, ha deciso di avvicinarsi alla politica indipendentista e non ha motivo di andare contro i suoi stessi interessi. Per quanto ci riguarda, invece, c’è da dire che noi non portiamo mai la bandiera spagnola sulla maglia – spiega – e proprio per questo ci tengo a sottolineare che non si è trattato di una scelta politica. Volevamo far sentire la nostra vicinanza a tutti coloro con cui condividiamo l’amore per quella bandiera. Non capita spesso di vedere una situazione come quella che si è verificata domenica ma bisogna riconoscere a Bartomeu la scelta di giocare nonostante le forti pressioni ricevute”.
Ramírez non vuol sentir parlare di referendum: “A me non compete entrare in queste decisioni, né tantomeno posso permettermi di dire se fosse giusto o sbagliato che si votasse – afferma – quello che sicuramente posso dire invece è che la nostra decisione non voleva essere una provocazione di alcun genere. Nessuno mi convincerà che usare la bandiera del mio paese, nel mio paese, sia una provocazione. In nessun modo”.

Dove giocherà il Barcellona dopo l’indipendenza?

Ci siamo. Dopo mesi di dibattito, oggi è il giorno del referendum di Catalogna. Non si è capito bene ancora cosa succederà in Spagna tra lo stato centrale e la sua comunità indipendentista e cosa ne sarà domani di una delle più importanti comunità autonome di Spagna. In attesa di scoprirlo, qui vi spieghiamo in 5 domande e risposte cosa succederà al Barcellona (e a tutte le altre squadre catalane) qualora avvenisse realmente la scissione.

Perché le squadre catalane non potrebbero giocare la Liga spagnola in caso di indipendenza della Catalogna?

Attualmente sono tre le squadre catalane che partecipano alla Liga, il massimo campionato in Spagna: Barcellona, Espanyol e Girona. Così come sono tre le squadre che partecipano alla Segunda División, corrispondente della nostra serie B: Barcelona B, Reus e Gimnàstic. Ebbene, queste compagini non potrebbero più partecipare alle competizioni organizzate dalla RFEF (la nostra Figc), in virtù dell’articolo 15 della Legge sullo sport che afferma: “Le società sportive anonime e le squadre che partecipano a un torneo professionistico dovranno iscriversi all’elenco delle società sportive della federazione corrispondente”.

La federazione spagnola potrebbe permettere al Barcellona di iscriversi comunque alla Liga?

No, perché infrangerebbe l’articolo del suo stesso regolamento, che “in virtù dell’articolo 15 della Legislazione dello sport, secondo il quale l’organizzazione territoriale delle federazioni sportive spagnole seguirà la l’organizzazione territoriale dello Stato e delle Comunità Autonome. I club dovranno pertanto essere iscritti e affiliati regolarmente alle rispettive federazioni e potranno svolgere la loro attività sportiva soltanto nelle competizioni ufficiali a cui la propria federazione partecipa”. 

A questo punto, potranno i club catalani iscriversi a un’altra federazione come, per esempio, quella valenciana?

A questa domanda, risponde sempre l’articolo 99 del regolamento federativo: “ In via del tutto eccezionale, la giunta direttiva della RFEF potrà autorizzare un club ad affiliarsi a una federazione anche se non è quella a cui corrisponde geograficamente. Tuttavia, questo permesso deve arrivare previo accordo tra le federazioni implicate, sempre che questa concessione sia approvata anche dall’Assemblea Generale della federazione ‘ospitante’”. Tuttavia, molti giuristi sostengono che questa non potrà comunque essere la giusta soluzione in caso di indipendenza della Catalogna, in quanto fa riferimento ad accordi tra due federazioni di due comunità autonome spagnole, ma in caso di secessione quella catalana non sarebbe più una comunità autonoma.

Perché allora i club di Andorra partecipano alla Liga spagnola?

I club del Primcipato di Andorra rappresentano l’unico caso di squadre che partecipano nei campionati spagnoli. Questo è possibile grazie alla 17ª disposizione addizionale della Legge dello sport, che permetto loro di iscriversi alle federazioni spagnole come accade con il MoraBanc, squadra di pallacanestro di Andorra, o il Fútbol Club Andorra che fin dalla sua fondazione nel 1942 appartiene alla Federazione spagnola e ha militato per 17 anni ha militato nella Segunda División B, corrispondente della Lega Pro italiana.

Potrebbe la Catalogna constituire una propria federazione e giocare un proprio campionato?

Per quanto visto in altri casi come per esempio Gibilterra, la cui federazione è stata riconosciuta dopo 15 anni dalla sua fondazione. Per questo, sarebbe un processo lungo e farraginoso e che dovrebbe terminare con l’approvazione del Congresso della Fifa, secondo quanto specificato nell’articolo 11 dello Statuto

 

Piqué, Guardiola e il minuto 17.14: quando il Camp Nou chiede l’indipendenza

Sento spesso dire che non bisogna mischiare sport e politica. Al contrario, a mio avviso è obbligatorio farlo perché lo sport è la proiezione del Paese nel mondo, e per questo è tanto importante. Non si possono separare le due cose”. Gerard Figueras è il Direttore Generale dello Sport della Generalitat catalana, il Ministro dello sport della regione che domenica potrebbe scegliere la propria indipendenza dalla Spagna.

La Gazzetta dello sport, 26 settembre 2017

Forse Gerard Figueras in quest’intervista alla Gazzetta dello Sport di qualche giorno ha fatto finta di dimenticare o, al contrario, ha semplicemente voluto ribadire per l’ennesima volta quanto il calcio sia un importante strumento di propaganda. Soprattutto in Catalogna e ancor di più in questi giorni in cui non si fa altro che parlare del referendum per l’indipendenza del primo ottobre.

Negli ultimi tempi, su questo blog, è stato trattato in maniera più o meno approfondita il tema della potenza mediatica del calcio a livello politico nella regione spagnola che chiede l’indipendenza. Vi abbiamo svelato quello che è successo al Camp Nou, prima di Barcellona-Juventus e dello striscione “Benvenuti nella Repubblica Catalana”. Vi abbiamo raccontato come anche una maglia, quella del Lleida, potesse diventare motivo di rivendicazione d’indipendenza. E infine vi abbiamo narrato le vicende di quello che nei giorni a seguire il triplice fischio è stato rinominato derbi del referendum, quello tra Girona e Barça, una partita che da evento sportivo si è trasformata in una festa politica della Catalogna.


Insomma, negli ultimi tempi il futbol (senza accento sulla u, perché parliamo di Catalogna) è stato più utile di qualsiasi proclamo, più efficace di qualsiasi manifestazione, più convincente di qualsiasi discorso fatto da un esponente della Generalitat o da questo o quell’Alcalde. Forse grazie al suo essere universale, il calcio è riuscito a trasmettere meglio di qualsiasi figura politica un messaggio ben preciso. Non è un caso se oggi la politica catalana si affida al Barcellona, squadra stellare e affermata a livello mondiale, per continuare a diffondere il seme scissionista. Barcellona è il Camp Nou sono ormai da anni il centro nevralgico ed economico del calcio internazionale grazie ai suoi campioni e ai suoi trionfi, nonostante il prorompente ritorno del Real Madrid negli ultimi due o tre anni. Sarà anche per questo che i catalani vogliono separarsi? Chissà, quel che è certo è che il calcio e tutto lo sport catalano ha le idee ben chiare a proposito del referendum. Lo si può evincere dal manifesto dello sport catalano a favore del Sì, in cui si spiega come dall’indipendenza la federazione sportiva catalana in generale, e tutto il movimento calcistico in particolare potranno trarre un vantaggio (anche di tipo economico) dall’indipendenza.

Il tutto viene puntualmente ribadito dagli stessi aficionats, alias i tifosi catalani, al minuto 17.14 di ogni partita, quando dagli spalti si alzano i cori indipendisti. Numeri che ricordano l’anno 1714, quando la Catalogna perse l’indipendenza durante la guerra di successione (e non di secessione) alla corona spagnola. È bene precisarlo, perché forse non tutti sono informati sulla storia spagnola. Prima di arrivare al 1714 e al celebre giorno della Diada, che ancora oggi viene celebrata a Barcellona e dintorni come “festa nazionale”, bisogna ricordare gli eventi del 1700, anno in cui morì senza eredi Carlo II. A contendersi il trono erano gli Asburgo di Vienna e i Borbone di Parigi. Il conflitto nacque all’apertura del testamento del re defunto quando si scoprì che il trono era stato assegnato a Filippo d’Angiò, nipote di Luigi XIV e di Maria Teresa. Nei conflitti che ne seguirono, la corona d’Aragona (uno dei regni di Carlo II) parteggiò per il pretendente austriaco, mentre i regni di Castiglia e Navarra diedero il proprio sostegno al pretendente borbonico. Con la vittoria di quest’ultimo, che divenne re col nome di Filippo V di Spagna che si occupò immediatamente di   promulgare dei decreti per punire i territori che si erano schierati dalla parte dell’arciduca Carlo. Stiamo parlando dei decreti di Nueva Planta: tra questi c’è anche quello relativo alla Catalogna, del 1716, precisamente due anni dopo la caduta di Barcellona e degli uomini di Rafael dopo l’assedio dopo l’assedio da parte delle truppe borboniche avvenuto l’11 settembre 1714. Con quel decreto, vennero soppresse tutte le istituzioni politiche catalane (la Generalitat – il Governo -, le Corts Catalanes – il Parlamento – e il Consell de Cent – il Consiglio dei Cento). Il viceré fu sostituito da un capitano generale e la Catalogna venne suddivisa in corregidurías anziché nelle tradizionali vegueries con l’istituzione di un il catasto per imporre gravami sulle proprietà urbane e rurali. Il catalano fu privato dello status di lingua ufficiale e sostituito dal castigliano, che fu obbligatoriamente introdotto nelle scuole e negli uffici giudiziari, mentre le università  catalane che avevano appoggiato l’arciduca d’Austria vennero chiuse o trasferite.

La coreografia del Camp Nou in un clásico del 2012 riproduceva la bandiera catalana

Quasi duecento anni più tardi, nasceva il Barcelona Futbol Club, la squadra che ha fatto conoscere al mondo dello sport il desiderio separatista di un’intera regione. E per uno strano scherzo scherzo del destino proprio quel club fu fondato da svizzeri e britannici, popoli che nel 2017 non appartengono all’Unione europea. Lo stesso destino della Catalogna se dovesse dividersi dalla Spagna, non senza ripercussioni dal punto di vista sportivo.

Non è qualcosa di recente, certo, ma negli ultimi anni il rito del minuto 17.14 è diventata un’abitudine sempre più caratterizzate delle partite che si giocano nella regione catalana. Inizialmente, furono proprio i culè, i tifosi del Barcellona, a dare l’iniziazione: lo si faceva dutante il clasico, l’incontro tra Real e Barça che più di ogni altro rappresenta l’etera lotta tra la Catalogna indipendentista e la Spagna nazionalista. Il rito del minuto 17.14 ha cominciato a scavallare i confini iberici il 23 ottobre 2012 quando i tifosi del Barcellona osservarono quest’usanza di intonari cori a favore dell’indipendenza nella gara di Champions League contro il Celtic. Guarda caso una squadra scozzese: ed è proprio la Scozia uno degli esempi più ricorrenti tra i catalani. Peccato che la prima uscita ufficiale in Europa del minuto 17.14 fu rovinata dal gol di Samaras, arrivato proprio al 17′ dal primo tempo (partita poi vinta in rimonta 2-1 dai blaugrana). Da allora quest’abitudine è stata conservata e si è rafforzata negli anni fino ai giorni nostri.

A gettar la benzina sul fuoco sono stati illustri personaggi del mondo del calcio catalano. Su tutti, due simboli del calcio catalano e barcellonista degli ultimi anni, come Piqué e Guardiola.

In settimana, un tweet di Gerard Piqué ha fatto di il giro della rete. In sostanza, il campione del Barcellona non ha fatto altro che ribadire il suo pensiero “catalanista”, come più volte aveva espresso in passato. L’hashtag #Votarem lanciato dal catalano non è passato inosservato ed è tornato indietro come un boomerang: #FueradelaSelección gli hanno risposto gli utenti di Twitter. Un crepa in un vaso di cristallo che sta potrebbe rompersi da un momento all’altro, soprattutto gli ultimi colpi ricevuti dai fischi del Bernabéu durante la gara tra Spagna e Italia. Per capirci: se l’inno spagnolo avesse un testo, Piqué non lo canterebbe. Eppure, nonostante gli screzi con il resto del paese, il giocatore continua a essere nella lista dei convocati di Lopetegui. L’ultima volta è stata ieri, quando il ct spagnolo ha annunciato quali saranno i 23 convocati per le sfide di qualificazione al mondiale di settimana prossima. E se giovedì parlava da vero rivoluzionario (“Da oggi a domenica esprimeremo il nostro pensiero in maniera pacifica – scriveva su Twitter – non gli daremo nessuna scusa. È quello che vogliono. E canteremo più forte che voteremo”), ieri il centrale del Barcellona è sembrato essere meno convincente commentando la sua convocazione in Nazionale: “Ho sempre detto che vestire la maglia della Nazionale è un orgoglio”. Parole che sembrano in contraddizione con quanto affermava un anno fa in un’intervista televisiva: “In un paese democratico come la Spagna, il diritto a poter decidere è la cosa più democratica che ci sia – spiegava – molte volte volte è stato proprio tutto questo a fare in modo che tutte le volte che ho giocato con la Nazionale ricevessi un certo tipo di trattamento”.


Chi ha le idee più chiare a proposito di referendum è l’ex allenatore di Piqué, Pep Guardiola, tra i più attivi sostenitori del Sí nel referendum del primo ottobre in Catalogna. Il tecnico del Manchester City sta seguendo attentamente le vicende della sua terra continuando a inviare messaggi favorevoli all’indipendenza: “Spero che sia una festa della democrazia – risposto ai giornalisti Guardiola alla vigilia della sfida con il Chelsea – e spero che le cose si svolgano in maniera pacifica come ha detto Piqué. L’ex allenatore del Barcellona, per ribadire questi concetti, ha anche prestato il volto alla campagna dell’Assemblea Nacional Catalana (ANC) per rivendicare il diritto al voto per i suoi concittadini. In un video distribuito dall’assocazione indipendentista, Guardiola chiede alle istituzioni di far votare la sua gente: “Mi sembra che la cosa più importante – spiega Guardiola – è applicare la democrazia quando un popolo chiede di votare. I desideri e le speranze dei catalani del ventunesimo secolo sono diversi da quelli del secolo scorso, soprattutto dopo la dittatura franchista”.

L’esempio più riccorrenre nei discorsi di Guardiola è quello che riguarda il caso della Scozia del settembre 2014: “La gente non sta chiedendo l’indipendenza, ma solo di andare a votare. La stessa cosa che fecero gli scozzesi con l’Inghilterra. Niente di piú. Dicono che è la legge, ma le leggi fanno altre leggi e le leggi cambiano le altre leggi in modo che queste leggi possano adattarsi meglio alle nuove società. Non è poi così difficile”.
 

Spagna, arbitro impedisce al Lleida di indossare la maglia con i colori catalani

“Quella maglia non la potete usare”. I dirigenti del Lleida si saranno sentiti dire più o meno queste parole prima dell’incontro con il Saguntino, nella Segunda Divisiòn B spagnola. A pronunciarle, l’arbitro Pedro Campoy Candela: a pochi minuti dal fischio d’inizio dell’incontro, il direttore di gara ha impedito ai giocatori della squadra catalana di indossare la maglia ispirata alla Senyera, la bandiera della Corona d’Aragona utilizzata anche in Catalogna e nella comunità valenciana. Il club ha accusato direttamente la Federazione per questo particolare divieto: secondo alcune fonti del club catalano, infatti, la stessa federcalcio spagnola aveva dato l’ok al club per indossare la maglia “cuatribarrada” (con le quattro strisce rosse e gialle), nonostante questa non fosse presente tra le maglie di gara presentate ufficialmente. Per questo il club aveva incaricato l’azienda Joma di realizzare questa particolare divisa.

È stato lo stesso Lleida a comunicare la decisione con un comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale: “La terna arbitrale ci ha comunicato il divieto di giocare con la Senyera, nonostante la Federazione e l’Atletico Saguntino fossero a conoscenza del fatto che oggi avremmo giocato con la quella maglia, e che se non avessimo rispettato la decisione la partita non si sarebbe disputata. Ci hanno imposto di giocare in blu”.

Il club, lo scorso 20 settembre, aveva preso una posizione molto chiara rispetto agli arresti effettuati dalla Guardia Civil nei confronti degli esponenti del referendum del primo ottobre. Con un comunicato, il club aveva condannato quei fatti, in quanto: “impediscono l’esercizio dei diritti civili, come la libertà di espressione o il diritto al voto, da parte dei cittadini”. Il club inoltre esprimeva il suo “pubblico sostegno a tutte le persone, entità e istituzioni che lavorano ogni giorno per garantire questi diritti”.

Ma torniamo a questa domenica. Il Lleida se l’è presa un po’ con tutti, anche con i rivali del Saguntino: secondo i padroni di casa, infatti, il club ospite si è presentato di proposito all’incontro solo con la prima maglia (rossa) che avrebbe confuso gli arbitri, facendo riferimento all’articolo 216 del regolamento generale della RFEF secondo cui tutte le squadre che giocano in trasferta devono obbligatoriamente avere a disposizione due tipi di divisa differenti.

Ovviamente, la delusione per non veder giocare i propri beniamini con la Senyera ha provocato una reazione polemica nei tifosi del club che hanno intonato cori indipendentisti e inneggiato al referendum al 17esimo minuto del primo tempo della gara con il Saguntino.

“Questo non è un gioco”, Guardiola e Il derbi del referendum: ecco perché lo sport catalano vota Sí

Montilivi voterà per l’indipendenza. Così come Girona. Il derby con il Barcellona di sabato sera, è stato ribattezzato in “Il derby del referendum”. La rivalità tra le due compagini in campo era talmente inesistente, che la partita vinta in scioltezza dalla squadra di Valverde, si è trasformata in uno spot per il voto dell’1-O, come lo chiamano in Spagna. Una sigla che c’entra poco con il calcio: non si tratta infatti di un risultato come si potrebbe credere in apparenza, ma dell’abbrevazione della data “1 di ottobre”. Così come avvenuto al Camp Nou in Champions, nella prima uscita europea del Barcellona, anche sabato allo stadio del Girona il calcio è stato “sfruttato” per fare propaganda politica. “No ens ho impediraan, vota!” (“Non ce lo impediranno, vota!”). Questo era il messaggio che ha accolto i tifosi che si dirigevano all’impianto sportiva subito dopo esser entrati nella città indipendentista. Nelle ultime elezioni generali, quelle in cui i partiti sovranisti, Esquerra Republicana e quello che era ancora noto con il nome di Convergenza Democratica de Catalunya, riuscirono a trovare ulteriori consensi nelle province di Barcellona e Tarragona, feudi in cui si era imposto En Comú Podem. A Girona e Lleida l’indipendenza ha continuato a salire. Nella capitale di Girona, per essere più concreti, Esquerra, in coalizione con Catalunya Sì, ha raggiunto i 10.415 voti. Convergència ne ha ottenuti 9.208. La terza forza, con 6.949, è rimasta ad una grande distanza.


A Girona si scommette fortemente sull’ideale indipendentista. Ci si scommette talmente tanto che, a volte, il ruolo di queste elezioni viene camuffato e “giustificato” con un pretesto: quello di avere il diritto di poter decidere. Il centro città è “impacchettato” da volantini e striscioni di propaganda a favore del referendum. L’unica scelta, da quelle parti, è una e una soltato: un Sì in condizionato. “Ho una possibilità sola di votare e non avrò paura di sfruttarla”, dice un ragazzo in uno dei manifesti.

La estelada, la bandiera tipica della Catalogna, è stata la più utilizzata nel derbi català. Perchè il calcio, ancora una volta diventa motivo di unione, stavolta politica. Attorno al Montilivi i volontari di ANC sponsorizzavano il referendum, proprio come fatto al Camp Nou prima di Barcellona-Juventus. Sugli spalti, tra i volantini colorati con il Sì ben evidente al centro e annunciato dagli altoparlanti dello stadio, un’ovazione accoglie Carles Puigdemont l’ex sindaco di Girona, oggi presidente della Generalitat catalana. Scemati gli applausi, risuona l’inno di Catalunya, “Els Segadors” e sulle sue ultime note risuona il coro: “Votarem“. Non c’è bisogno di altre traduzioni. E se qualcuno non avesse ancora capito bene dove si trovi, sulla facciata della facoltà di Scienze nel campus universtario di Girona c’è un messaggio a ricordaglielo: “Welcome to the Catalan Republic”. Lo stesso che copriva metà della curva del Camp Nou neanche due settimane fa e che aveva messo in imbarazzo il presidente bianconero Andrea Agnelli di fianco al suo “collega” Bartomeu.


“Esport pel Sí”, il manifesto degli sportivi catalani – La verità è che in Catalogna questa cosa del referendum l’hanno presa molto sul serio anche gli sportivi. La voglia di separatismo ha talmente influenzato tutti, che anche i protagonisti del “gioco di squadra” e dell'”insieme si vince” hanno deciso di voler continuare da soli. Il tutto è anche ufficializzato da un sito internet ad hoc: “Esport pel Sí“. Il messaggio è chiaro ed è ben spiegato nel manifesto presente nella homepage: “Lo sport catalano vincerà grazie al tuo sì”. A sostegno di quanto dicono, c’è anche uno studio economico. Secondo il manifesto catalano lo sport riceverà grandi benefici dall’indipendenza: calcolano che, se la separazione dovesse verificarsi, lo sport riceverebbe una crescita di quasi 90 milioni di euro e oltre 700 posti di lavoro nel giro di tre o quattro anni. Aumenterà anche il numero di atleti catalani che parteciperanno alle Olimpiadi: “Dai 98 attuali ai 129/149 sportivi che, nel medio periodo, potranno aspirare a ottenere tra le 8 e le 9 medaglie“, si legge. E se la Federnuoto catalana sarà la Federazione con l’unico bilancio “leggermente” negativo, i catalani si potranno rifare ovviamente con il calcio che vedrà crescere gli introiti del 72%, seguita da pallacanestro e tennis. Tutto ciò, ovviamente, sarà gestito dal COC: il Comitato Olimpico Catalano. E così nel video spot del sito figurano molti famosi sportivi: la doppia medaglia d’argento olimpica, Natalia Vía-Dufresne, è il volto più riconoscibile in una campagna che vede oltre a tecnici come Anna Tarrés (sincronizzato) o Salva Maldonado (basket), anche ex atleti come Sergi Ten (beach volley) o Marta Vilajosana (ciclismo).

Lo spot di Guardiola – Tra i più attivi sostenitori del Sí nel referendum del primo ottobre in Catalogna c’è sicuramente Pep Guardiola. L’allenatore del Manchester City sta seguendo attentamente le vicende della sua terra continuando a inviare messaggi favorevoli all’indipendenza: “Mi sembra che la cosa più importante – spiega Guardiola – è applicare la democrazia quando un popolo chiede di votare. I desideri e le speranze dei catalani del ventunesimo secolo sono diversi da quelli del secolo scorso, soprattutto dopo la dittatura franchista”.

Il tecnico catalano, piú volte interpellato dai giornalisti sull’argomento, utilizza spesso il paragaone con il caso della Scozia del settembre 2014: “La gente non sta chiedendo l’indipendenza, ma solo di andare a votare. La stessa cosa che fecero gli scozzesi con l’Inghilterra. Niente di piú. Dicono che è la legge, ma le leggi fanno altre leggi e le leggi cambiano le altre leggi in modo che queste leggi possano adattarsi meglio alle nuove società. Non è poi così difficile”.

L’ex allenatore del Barcellona, per ribadire questi concetti, ha anche prestato il volto alla campagna dell’Assemblea Nacional Catalana (ANC) per rivendicare il diritto al voto per i suoi concittadini. In un video distribuito dall’assocazione indipendentista, Guardiola chiede alle istituzioni di far votare la sua gente.

 

//platform.twitter.com/widgets.js

Da Zidane a Thuram, il calcio francese scende in campo con Macron

Come in una finale: da un lato c’è il favorito che ha tutto da perdere, dall’altro uno sfavorito che sogna di essere la sorpresa. Sono le ore di vigilia che precedono il ballottaggio per le elezioni presidenziali francesi: Emmanuel Macron e Marine Le Pen affrontano hanno affrontato gli ultimi giorni di campagna elettorale puntando molto anche sugli endorsement di personaggi più o meno noti. In particolare, se il voto fosse deciso dal mondo dello sport, Macron stravincerebbe le elezioni: più di sessanta sportivi tra campioni olimpici, calciatori e dirigenti, hanno sottoscritto un documento comparso su “Le monde” che invita gli elettori francesi a votare per il candidato di En marche!

Lo sport sostiene i “valori repubblicani” – «Noi, atleti e appassionati di sport, leader di federazioni e di club – si legge nel documento comparso su ‘Le monde’ il 3 maggio – scegliamo di rompere la neutralità politica che abbiamo a cuore […] perché i valori fondamentali della nostra società, della nostra Repubblica e di questi sport sono coinvolti». Tra i nomi che appoggiano Macron troviamo anche il centrocampista del Paris Saint Germain Blaise Matuidi, e i campioni olimpici Yannick Agnel, Lucie Decosse, Laura Flessel e David Douillet. Non solo atleti, nei firmatari ci sono anche importanti dirigenti di illustri come Christian Prudhomme, direttore del Tour de France, l’ex presidente della Lega Calcio (Lfp) Frédéric Thiriez e il presidente del Comitato olimpico nazionale (Cnosf), Dennis Masseglia. Nell’appello si leggono le motivazioni per cui gli sportivi voteranno per Macron: «Gli stadi e gli impianti sportivi delle nostre città sono luoghi di scambio e mescolanza”, scrivono su “Le monde”, «Ecco perché in tempi di tormenti e indecisioni, facciamo un appello perché venga votato l’unico candidato che rispetta la tradizione repubblicana del nostro Paese: Emmanuel Macron».

«Zidane? Vota Macron perché è ricco» – In questi giorni, in Francia sta tenendo banco il battibecco a distanza tra Marine Le Pen e Zinedine Zidane. La candidata del Front National si è scagliata duramente contro uno dei simboli del calcio francese che, venerdì scorso durante la conferenza stampa prima di Real Madrid-Valencia, aveva detto: «Sono lontano da tutte le idee del Front National, credo che gli estremismi vadano sempre evitati”. Ecco perché la Le Pen non ha potuto far a meno di rivolgersi all’ex juventino in maniera decisa, neanche fosse Materazzi: «Con quello che guadagna – ha detto – non mi meraviglio che Zidane chieda di votare Macron. È la sua opinione, cosa volete che dica? Lui può dare suggerimenti di calcio, non di politica. Credo che sia sufficientemente ricco, per votare uno come Macron che promette di proteggere la ricchezza che ha accumulato grazie al suo talento». Un episodio analogo era accaduto anche nel 2002, quando Zidane aveva espresso il suo sostegno a favore di Jacques Chirac che sfidava al ballottaggio Jean-Marie Le Pen, padre di Marine.

Macron, l’unica alternativa – Anche Lilian Thuram, bandiera de les blues oltre che di Parma e Juventus, si schiera al fianco di Macron pur non avendolo votato al primo turno. L’ex juventino, intervistato dal Corriere della Sera, ha dichiarato: «Macron e Le Pen non sono uguali”, ha detto, «Non capisco quelli che non andranno a votare domenica pensando che il risultato sia indifferente. La politica è difendere le proprie idee, ma qualche volta le tue idee non vengono scelte dalla maggioranza, e non puoi andare ogni volta in finale, per parlare con gergo calcistico. Quindi invito i francesi ad andare a votare per Macron, anche se non l’ho votato al primo turno. Con l’estrema destra al potere tante cose potrebbero cambiare in peggio». Al contrario di Thuram, c’è anche chi crede che Macron sia la miglior scelta possibile per la Francia di oggi come il tecnico dell’Arsenal, Arsene Wenger: «È impressionate che a 38 anni sia riuscito a creare un movimento proprio e ad avere consensi», ha detto il tecnico all’Indipendent, «Non pensavo riuscisse ad avere subito una chance visto che nella storia francese nessun presidente era riuscito ad arrivare all’Eliseo senza aver dietro un grande partito».

Marion Le Pen contro Benzema – Non tutti i volti noti dello sport hanno voluto commentare le elezioni come Thuram, anche se non è difficile intuire cosa pensano. Ci riferiamo a Karim Benzema, attaccante della Nazionale Transalpina. La punta del Real Madrid, sicuramente non voterà per la Le Pen: la scorsa estate il centravanti franco-algerino era stato protagonista di un caso che ha fatto discutere. Dopo esser stato escluso da Euro 2016, ufficialmente per uno scandalo sessuale che lo vedeva protagonista, Benzema aveva accusato il tecnico Deschamps di non averlo convocato sotto le pressioni di alcuni movimenti razzisti. La vicenda non era sfuggita a Marion-Maréchal Le Pen, deputata del FN nipote di Marine: «Nato e cresciuto nel nostro Paese, Benzema è diventato multimilionario grazie a una Francia su cui oggi sputa. È indegno» aveva scritto, rincarando la dose con un altro tweet in cui citava le parole dello stesso Benzema: «L’Algeria è il mio Paese, il mio cuore, la Francia è solo per il lato sportivo». Se non è contento vada a giocare nel suo Paese.

Un Ministro-allenatore per Le Pen – Come detto, il rapporto tra Marine Le Pen e il mondo del calcio non sia mai stato idilliaco (qualche anno fa se la prese anche con Ibrahimovic: «Se non gli piace la Francia, vada via», aveva detto), pare che la candidata del Front National voglia nominare, qualora fosse eletta, un allenatore come Ministro dello sport. Secondo Alexsander Nikolic, consigliere sullo sport di Marine Le Pen l’identikit c’è già e sarebbe quello di un tecnico di un club professionistico. Si tratta di un allenatore conosciuto e dotato di una buona reputazione. Ci sarebbe già una lista di nomi, per ora non confermata da fonti ufficiali. Potrebbero essere proprio loro a sostenere Le Pen al ballottaggio di domenica: alcuni quotidiani hanno ipotizzato che fra questi ci sia anche l’ex commissiario tecnico della Nazionale, Raymond Domenech.

Renzi: “Il Referendum un rigore tirato male”. I suoi 5 errori dal “dischetto”

In fondo non è da questi particolari che si giudica un giocatore. Andatelo a spiegare a Franco Baresi e Roberto Baggio che quei rigori di Pasadena se li sognano ancora oggi. Oppure a Matteo Renzi, in fondo anche lui ha sbagliato il “suo” rigore. Continua a leggere “Renzi: “Il Referendum un rigore tirato male”. I suoi 5 errori dal “dischetto””

Quando Trump provò a fare il presidente…di una squadra di calcio

Ieri è stato il primo giorno alla Casa Bianca di Donald Trump. Il mondo intero ha assistito all’insediamento del Presidente che più di tutti incute incertezze e timori per gli scenari politici mondiali. Chissà cosa sarebbe successo però se il vincitore delle ultime presidenziali americane avesse portato a termine la trattativa per diventare sì presidente, ma di una squadra di calcio. Continua a leggere “Quando Trump provò a fare il presidente…di una squadra di calcio”

Salvini su Facebook: “Niang imbarazzante come il governo Gentiloni”

Il rigore sbagliato da Niang non è andato giù a molti tifosi del Milan. Il francese si è fatto respingere il tentativo dal dischetto da Szczęsny sullo 0-0 nel posticipo del lunedì contro la Roma. Un errore che ha influito tantissimo sull’economia della gara: nel secondo tempo, infatti, i giallorossi hanno portato a casa i tre punti grazie alla rete di Radja Nainggolan. Continua a leggere “Salvini su Facebook: “Niang imbarazzante come il governo Gentiloni””

Gentiloni nomina Lotti allo sport: ecco il ministro milanista

Un premier juventino e un ministro dello sport milanista. Luca Lotti è stato scelto dal nuovo presidente del Consiglio Paolo Gentiloni non senza qualche perplessità. Per molti infatti non avrebbe molto senso la nomina di un ministero senza portafoglio come quello per lo Sport in un Governo destinato, almeno sulla carta, a durare poco. Continua a leggere “Gentiloni nomina Lotti allo sport: ecco il ministro milanista”