Quando Sanremo va allo stadio: le 15 canzoni italiane diventate cori

Quando Carlo Conti dice “Tutti, ma proprio tutti, cantano Sanremo” tutti i torti non ce l’ha. Il Festival di Sanremo fa parte del Dna della nostra cultura nazional popolare. I suoi momenti, le sue canzoni, sono entrate nell’immaginario collettivo della nostra storia. Nel bene e nel male. Un’influenza talmente forte che i ritornelli del Festival, di anno in anno, sono rimasti nelle orecchie di tutti. E c’è anche chi ha utilizzato quei motivetti, quelle “canzonette”, reinventandole per poi portarle allo stadio. Proprio così, avete capito bene. Le tifoserie di tutta Italia, magari anche senza saperlo, quando avvolgono la sciarpa intorno al collo e vanno sugli spalti alla domenica per sostenere la propria squadra, cantano dei cori appositamente riscritti sulle melodie del Festival o. più in generale, di artisti che hanno calcato almeno una volta il palco dell’Ariston.

Ne abbiamo raccolte 15:

I tifosi del Milan si sono ispirati al successo dei Ricchi e Poveri “Sarà perché ti amo” del Festival 1981 per creare questo coro.

Sempre dalla Curva rossonera arriva questa cover di Piero Focaccia, “Stessa spiaggia, stesso mare”.

Ancora un brano dei Ricchi e Poveri: “Mamma Maria”.

Questo coro trae spunto sigla di Canzonissima dal 1968, Zum Zum lanciata da Sylvie Vartan e Mina.

“Tu sei l’unica donna per me” è una canzone scritta ed incisa nel 1979 dal cantautore napoletano Alan Sorrenti, i tifosi della Roma la reinterpretano così.

“La notte vola” è un brano musicale interpretato da Lorella Cuccarini nel 1989. Da allora è diventata una canzone d’amore del tifo romanista per Rudi Voeller.

Sempre dal Festival del 1981 arriva un altro coro della Roma, la tifoseria più fantasiosa. Qui hanno reinventato il testo di “Maledetta Primavera”, il brano di Loretta Goggi che in quell’anno si classificò secondo.

“Un giorno all’improvviso”, il coro che è diventato il secondo inno del Napoli. È ispirato al brano dei Righeira “L’estate sta finendo”.

Ancora Milan. Da qualche anno i tifosi rossoneri hanno cambiato leggermente il testo di “Un’avventura” di Lucio Battisti, brano che ha partecipato al Festival di Sanremo nel 1969.

Anche Adriano Pappalardo ha ispirato la Curva Sud dell’Olimpico, la sua “Ricominciamo” è un must del tifo gialgiallorosso.

“Che bello è” è stata la colonna sonora delle ultime due promozioni del Pescara in Serie A, ma anche molte altre squadre hanno utilizzato la melodia di “Vuoto a perdere”, il brano scritto da Vasco Rossi per Noemi.

Questo coro si ispira al brano di Nicola Di Bari “La prima cosa bella”, brano classificatosi al secondo posto al Festival di Sanremo 1970.

“Ti seguo sempre” è il coro di molte tifoserie, soprattutto quando le cose vanno male. La melodia è del brano di Vasco Rossi “Ti voglio bene”.

Questo coro ha origine  da “Bandiera gialla”, una delle colonne degli anni ’60 e lanciata da Gianni Pettenati.

I tifosi della Samp hanno adottato il brano “Ma il cielo è sempre più blu” di Rino Gaetano, per farne un inno, rigorosamente “cerchiato di blu”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...