Ibra e la sua statua: “Se vai a New York c’è quella della Libertà, a Stoccolma quella di Zlatan”

“Gli dovrebbero fare una statua”. Quante volte abbiamo sentito dire questa frase riferita a qualcuno? Infinite. Anche nel calcio, a volte, capita di ascoltarla. Chissà quante volte l’hanno detta i tifosi delle squadre di Zlatan Ibrahimovic. Malmö, Ajax, Juventus, Inter, Barcellona, Milan, Paris Saint Germain, Manchester United. Milioni e milioni di tifosi lo hanno adorato come una divinità e siccome fino ad ora nessuno ci aveva pensato, ci ha pensato lui.


Su Instagram il calciatore svedese ha postato una foto di una statua a lui dedicata. “Quando vai a New York – scrive Ibra – trovi la Statua della Libertà. Quando vieni in Svezia trovi la statua di Zlatan #comingsoon”. La statua, ancora in fase embrionale, è stata commissionata dalla Federcalcio svedese che ha voluto premiare il 36enne attaccante del Manchester United, eletto per il decimo anno di fila miglior calciatore dell’anno in patria. La scultura sarà posta davanti la Friends Arena di Stoccolma. “Mi sembra irreale -ha commentato Ibrahimovic la notizia della statua in suo onore- di solito è un riconoscimento che si ottiene quando si muore, ma io sono ancora vivo. Quando morirò, però, questa statua vivrà per sempre”. Non serve conoscerlo per sapere che Zlatan si ama come nessun altro e la trovata di fargli una statua è solo l’ultima celebrazione a un personaggio che non smette mai di coltivare il grande culto che ha di sè.

Qualche altro esempio? Nel salotto della sua lussuosa villa di Malmö, in Svezia, Ibrahimovic ha affisso un quadro raffigurante i suoi piedi. Come si legge nella sua autobiografia “Io, Ibra”, a chi gli chiede ogni volta il perché di quel quadro lui risponde così: “Vedi tutto quello che c’è qui intorno? È merito loro”.

Zlatan non è solo un istrione, ma un grande stratega. Anche quando c’è bisogno di vendersi, come successo quest’estate. Dopo l’addio al Paris Saint Germain, l’attaccante ha annunciato sui social che avrebbe ufficializzato il nome della sua nuova squadra proprio via Facebook. In molti avevano previsto che sarebbe andato in Inghilterra ma questa sua mossa ha comunque suscitato l’interesse di migliaia di appassionati che si sono ritrovati connessi alla sua diretta streaming. Un’attesa spasmodica che però non è stata soddisfatta, almeno inizialmente, da chi voleva conoscere la sua nuova maglia. In quell’occasione, infatti, Ibra si limitò a presentare A-Z, la sua nuova linea sportiva. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...