Ecco il Drunk football: il calcetto degli ubriachi

Per chi è stanco del solito beer-pong con gli amici, dalla Norvegia arriva l’ultima novità in fatto di divertimento alcolico. Si chiama drunk football e altro non è che una sorta di Calcio a 5, con una particolarità: si gioca solo da sbronzi.

 

A rendere popolare questo gioco ci ha pensato YouTube che in pochissimo tempo ha reso famosa questa nuova disciplina. L’idea di alcuni ragazzi norvegesi consiste nell’entrare in campo con un tasso alcolemico pari o superiore a 1.0 g/L.

Al posto delle borracce, delle birre. Il liquore per darsi la giusta carica. Non importa quanti compagni vedi: l’importante è tirare e inquadrare la porta. Nessuna tattica, nessuno schema. Il mister dà solo due consigli: bevi e tira!

 

Dopo ogni gol subito il portiere deve sottoporsi all’alcol test. Se il suo grado alcolemico è inferiore a quello indicato la rete non viene convalidata. Quindi si beve prima, durante e dopo il calcio d’inizio. Una specie di terzo tempo infinito.

 

Sull’onda del drunk football, abbiamo provato a stilare due possibili formazioni tra i giocatori più inclini a questo nuovo sport. Ovviamente si gioca 5 vs 5.

La prima formazione vede in porta Mattia Perin. Il portiere del Genoa qualche tempo fa si è visto ritirare la patente per guida in stato di ebbrezza. Dall’altro lato c’è un’altra conoscenza del nostro calcio: si tratta Joe Hart. Qualche anno fa, quando era al Manchester City, il numero uno del Torino diede spettacolo dopo diversi cocktail salendo sul bancone di un bar spagnolo.

 

 

Sistemati i portieri, è il caso di dirlo: è calcio Champagne. Da Adriano a Ronaldinho, da Gascoigne a Rooney. Passando per gli “occasionali” che si lasciano andare solo dopo le vittorie: non dimenticheremo mai i siparietti di Oddo, sbronzo dopo la vittoria dei Mondiali, e David Luiz molto più che brillo nelle sue interviste con Pierluigi Pardo.

 

 

Chiudiamo con Govou e Cicinho. Il giocatore ex Lione perse il posto a causa dei suoi problemi con l’alcol, mentre l’ex romanista Cicinho ha dichiarato di “aver visto Gesù”  dopo aver bevuto 14 birre.

Ecco le nostre due squadre pronte a sfidarsi a colpi di shot:

 

ubr

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...