San Siro si veste a festa: le 10 coreografie più belle del derby di Milano

Luci a San Siro. Domenica sera andrà in scena alla “Scala del Calcio” il derby di Milano numero 217. Uno degli stadi più belli del mondo tornerà a vestirsi con i colori delle due squadre della città. Da sempre, la stracittadina milanese ha riservato grande spettacolo. Almeno sugli spalti. Da mesi la Curva Nord interista e la Curva Sud rossonera sono al lavoro per dar vita a delle splendide coreografie. Tutto top secret, nessuna indiscrezione in merito, certo è che in queste ore i gruppi organizzati si stanno dando da fare per sistemare i dettagli di quella che sarà la cornice del posticipo serale di questo turno di campionato.

Quello che si spera è che lo spettacolo che ci riserveranno le due curve, sarà degno di quello che vedremo in campo. Intanto, ci gustiamo le dieci più belle coreografie del derby della Madonnina.

602779_senza-nome4

LA FINE DI CHI VIVE STRISCIANDO. Un gigantesco Diavolo rossonero strangola il biscione nerazzurro. La didascalia è più che eloquente. Era l’11 maggio 2001, e la profezia invocata dai tifosi milanisti si realizzò. Il Milan stritolò letteralmente l’Inter con un incredibile 0-6. Una gara che resterà impressa in maniera indelebile in tutti i cuori rossoneri. Le doppiette di Comandini e Shevchenko, oltre a i gol di Giunti e Serginho decretarono un tennistico risultato. Sulla panchina milanista c’era il compianto Cesare Maldini.

1654421_mediagallery-fullscreen

ECCOCI QUA, NOI DELLA NORD. Il cielo sopra il Castello Sforzesco si tinge di nerazzurro. Una fedele riproduzione in scala di uno dei luoghi simbolo di Milano si ergeva nel bel mezzo della Curva Nord. Era il 19 aprile 2015, finì 1-1. Aprì le marcature per il Milan El Shaarawy, pareggiò Obi per l’Inter.

maxresdefault-1

GIUDA INTERISTA. La Curva Sud, come vedremo anche in seguito, ha sempre tratto ispirazione dal mondo dell’arte. Il 2 aprile del 2011, i tifosi milanisti sfruttarono la celebre Ultima Cena di Leonardo da Vinci per ‘dedicarla’ al neo-tecnico dell’Inter Leonardo. Il brasiliano, infatti, dopo una vita in rossonero da giocatore, allenatore e dirigente, passò all’altra sponda del Naviglio. O meglio, andò a sedersi sull’altra panchina di San Siro. Una scelta che non piacque affatto ai tifosi del Milan. La partita finì 3-0 con doppietta di Pato e rigore di Cassano. Oltre al danno, anche la beffa per il povero Leo.

derby-1

TI TE DOMINET MILAN. Dopo il Castello Sforzesco, la Curva Nord torna a ribadire il concetto. La frase della canzone O mia bella Madunina, diventa lo slogan di una partita perfetta per i tifosi nerazzurri. Finì con uno scoppiettante 4-2. Doppietta di Ibrahimovic e tripletta di Milito, prima del quarto gol di Maicon. Un capolavoro, così come questa coreografia. Era il 6 maggio 2012 e a dominare fu l’Inter, che si tolse anche la soddisfazione di far perdere lo Scudetto al Diavolo.

derby-2

INTERISTA DIVENTI PAZZO. Se il mondo Inter si ispira ai monumenti cittadini, i milanisti cercano di regalare altri tipi d’opere d’arte. Qui vediamo il celebre “Urlo” di Munch con una maglia nerazzurra con tanto di cornice. Una frase che è passata alla storia: in quegli anni infatti a dominare erano i rossoneri sia in Italia, sia in Europa. Era il 23 ottobre 2004, finì 0-0 in una partita bruttina. Questa coreografia, però, valeva da sola il prezzo del biglietto.

maxresdefault

UN, DUE, TRE…LA TRIPLETTA VIENE PER TE. 14 novembre 2010. La Curva Nord non ha mai aspettato un derby con tutta questa carica. Dopo anni di sberleffi da parte dei “cugini” rossoneri il tifo interista mostra fiero il suo magnifico Triplete, ottenuto nella stagione precedente. Un vero incubo per tutti gli ultras milanisti: non a caso come immagine fu scelta una gigantografia di Nightmare, riferimento al famoso horror di Wes Craven. Tuttavia in quella gara a vivere l’incubo furono gli interisti, battuti da un rigore dell’ex Zlatan Ibrahimovic. 

Inter - Milan

VEDERVI A MAGGIO E’ TORNATO UN MIRAGGIO. Coreografia di risposta nel 4-2 del 2012, la Curva Rossonera ironizzò sugli storici rivali. Un diavolo con il binocolo prova a cercare in classifica l’Inter, molto dietro rispetto al Milan. Questa coreografia, però, non solo non portò fortuna ai ragazzi di Allegri che, come detto, persero il campionato; ma fu anche accusata di “plagio” dalla tifoseria del Borussia Dortmund. I tedeschi insinuarono ai milanisti di avergli copiato l’idea. (CLICCA QUI PER VEDERE LA COREOGRAFIA DEL BORUSSIA)

1226833861093_f

3-1, 3-2, 3-3. L’11 dicembre 2005 i tifosi dell’Inter fecero rivivere nella loro coreografia la maledetta notte di Istanbul. Nella finale di Champions League, giocata in Turchia contro il Liverpool, i rossoneri si fecero prima rimontare il 3-0 ottenuto alla fine del primo tempo e poi persero ai rigori. Non a caso nel primo anello verde di San Siro è ritratto un portiere con le sembianze di un clown: il riferimento è al portiere polacco Jerzy Dudek che riuscì a ipnotizzare i rigoristi del Milan, regalando la Coppa agli inglesi. Per la cronaca fini 2-3, con doppietta di Adriano e gol di Martins per l’Inter e reti Shevchenko e Stam per i rossoneri.

derby-4

SOVRASTIAMOLI. Concludiamo l’archivio rossonero con il recente passato. Derby di ritorno della scorsa stagione. Il celebre colpo di testa di Hateley che stacca di testa su Collovati in un derby del 1984 campeggia in Curva Sud. Un’evocazione del passato che fu beneaugurante. Gli uomini di Mihajlovic  vinsero 3-0 proprio grazie ad un colpo di testa, quello di Alex, che sbloccò il risultato, prima delle reti di Bacca e Niang.

e691099e31e7b7b9b6991530f25af5bf

IL BISCIONE. Un grande serpente accompagnato dalla sigla F.C.I.M. (Football club Internazionale Milano) ‘strisciava’ tra le fila della Curva Nord prima del derby del 13 settembre 2015. In quell’occasione furono i nerazzurri ad aggiudicarsi la gara con un gran tiro dal limite di Guarin nel secondo tempo.

Ed ora non ci resta che attendere quello che le due curve ci proporranno domenica sera: come al solito, sappiamo che San Siro non sbaglierà look.  C’è bisogno di indossare il vestito migliore per una serata di gala come è il derby.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...